• 4 Dicembre 2023

Apre a Bologna M8, il Museo 8cento

Apr 17, 2023

Verrà inaugurato giovedì 20 aprile 2023 alle 18 il Museo Ottocento Bologna, un nuovo museo felsineo dedicato alla pittura bolognese a cavallo tra l’Ottocento e il Novecento con sede in piazza San Michele 4/C, davanti a Corte Isolani, su Strada Maggiore.

A crearlo è stata la Fondazione Ottocento istituita dalla bolognese Francesca Sinigaglia, storica dell’arte e archivista.

Il Museo Ottocento Bologna ospiterà una collezione permanente composta da 85 opere, divise per nuclei tematici (dipinti a olio, acquerelli, bozzetti e altri) e collocate in 12 sezioni espositive che documentano le principali correnti stilistiche del “secolo lungo” visto dagli artisti dell’area bolognese.

Il suo principale obiettivo sarà quello di tutelare, conservare, valorizzare e promuovere fondi artistici, librari, archivistici e qualsiasi altra testimonianza sull’attività degli artisti, specialmente felsinei, nati tra il XIX e il XX secolo e facenti parte delle correnti artistiche che si espressero tra l’Ottocento e il Novecento.

Gli artisti bolognesi presenti al museo sono: Giovanni Paolo Bedini, Luigi Busi, Fabio Fabbi, Mario De Maria, Alfredo Protti, Andrea Besteghi, Luigi Bazzani, Raffaele Faccioli, Luigi Serra, Coriolano Vighi, Alessandro Scorzoni, Luigi Bertelli, Augusto Majani, Alfredo Savini, Mario De Maria, Carlo Corsi, Emma Bonazzi, Alfredo Protti, Guglielmo Pizzirani, Garzia Fioresi, Giovanni Romagnoli e tanti altri.

Il museo, che non ha scopo di lucro, vuole essere anche un centro di ricerca: organizzerà infatti studi sui fondi già acquisiti (l’Archivio Emilio Oliviero Contini e l’Archivio Fabio Fabbi), attiverà dei tirocini formativi con l’Università di Bologna e assegnerà una borsa di studio annuale rivolta agli studiosi del settore.

Sarà dotato anche di un bookshop e organizzerà varie tipologie di incontri aperti al pubblico: mostre temporanee, conferenze e giornate di studi.

Alfredo Savini, La raccolta delle albicocche

Il Museo Ottocento di Bologna si inserisce in un progetto di respiro nazionale con l’obiettivo di dialogare con le principali istituzioni italiane, aggiungendosi a musei già affermati come il Museo Giovanni Boldini e il Museo dell’Ottocento di Ferrara, il Museo Civico Giovanni Fattori di Livorno, il Museo Revoltella di Trieste, la GAM – Galleria d’Arte Moderna di Milano, il Divisionismo Pinacoteca Fondazione Cassa di Risparmio di Tortona, nato nel 2001, e il Museo dell’Ottocento Fondazione Di Persio-Pallotta di Pescara.

Al momento abbiamo notizia dei seguenti artisti presenti al museo:

  1. Alberto Fabbri (1858-1906) La venditrice di fiori e lo Zuavo
  2. Alberto Pasini (1826-1899) 
  3. Alessandro Scorzoni (1858-1933) Sul Greto del Savena (1932) e Ritratto della moglie 
  4. Alfonso Savini (1836-1908) Serenata
  5. Alfredo Protti (1882-1949) Autoritratto
  6. Alfredo Savini (1868-1924)
  7. Andrea Besteghi (1817-1869) Cimabue e Giotto
  8. Antonio Maria Nardi (1897-1973) Ritratto della Signora Clara Pasquini
  9. Augusto Majani (Budrio 1867-1959) 
  10. Augusto Sezanne (1856-1935) ideatore nel 1888 dell’effige dell’Università Alma Mater, e di cui sono esposti tre capolavori: Calle venezianaFaro della Laguna La settimana della passione
  11. Carlo Corsi (1879-1966) 
  12. Coriolano Vighi (1845-1905) Paesaggio (dipinto ad olio) e Paesaggio (pastello,1899)
  13. Emma Bonazzi (1881-1959) La giovinezza
  14. Fabio Fabbi (1861-1945) La stanza del piacere, I sette vizi capitali, Ecce Homo
  15. Fausto Zonaro (1854-1929)
  16. Garzia Fioresi (1888-1968) 
  17. Gino Marzocchi (1895-1981) dipinto raffigurante Giorgio Morandi sottoposto a giudizio dallo stato maggiore dell’arte degli ultimi secoli. Tra le figure si riconoscono Leonardo Da Vinci, Tiziano, Giorgione, Raffaello, Michelangelo, Perugino e Caravaggio e gli autorevoli storici dell’arte Giulio Carlo Argan, Lionello Venturi e Roberto Longhi.
  18. Giovanni Paolo Bedini (1844-1924) il BevitoreLa veste nuova
  19. Giovanni Romagnoli (1893-1976) Autoritratto
  20. Guglielmo Pizzirani (1886-1971) Autoritratto
  21. Luigi Bazzani (1836-1927) Il foro a Pompei Figura pompeiana (dipinti ad olio)
  22. Luigi Bertelli (1833-1916) Alba in pineta (olio su tela)
  23. Luigi Busi (1837-1884) Il Paggio e la Duchessa e Le gioie materne (acquerello)
  24. Luigi Serra (1846-1888)
  25. Marcello Dudovich (Trieste 1878-1972) Autoritratto in piazza San Domenico insieme alla futura moglie Elisa Bucchi (dipinto ad olio)
  26. Mario De Maria L’alunna e Pomeriggio di un fauno
  27. Raffaele Faccioli (1845-1916) Concerie in via Capo di Lucca, Serenata



MUSEO OTTOCENTO BOLOGNA

Piazza San Michele, 4C
Orari di apertura: martedì-domenica, 10-19
Ingressi: biglietto intero 10 €, ridotto 7 €
Info: mobologna.it


Apri mappa