TRASCRIZIONE DEL TESTO DI SALVATORE NICOLOSI
"APOCALISSE IN SICILIA: IL TERREMOTO DEL 1693"
TRINGALE EDITORE

"Ma gli uomini e gli elementi aveano congiurato di travagliare in ogni tempo la sempre desolata Augusta e funestissimo più d'ogni altro fu l'anno 1693.
Fin dal 9 gennaro violenti scosse di terremoto e turbini fieri di aggruppati venti atterrirono gli augustani, molti dei quali in una indicibile perplessità fuggirono dall' abitato in luoghi aperti, alzando dapertutto capanne di legno onde scampare ad un eccidio fatale che li minacciava ad ogni istante e bene perloro, avvegnaché il giorno 11 verso 20 ore italiane una violenta scossa fa precipitare tutto l' abitato. La terra sembrò innalzarsi ed ondeggiare; un profondo abisso spalancossi sotto il molo come la voragine d'un vulcano; una densa nube di polvere alzavasi per l'aria, di già ottenebrata da neri nuvoloni; e pioggia e grandine seguita da un turbine di vento alternossi per più d'un'ora. A tal terrore, altri più forti se ne aggiunsero, pei quali il popolo si vide vicino all'ultimo esterminio. Mentre, o si cercavan sotto le macerie i congiunti mutilati e agonizzanti, o si fuggiva all'impazzata gridando misericordia; appiccossi improvvisamente fuoco alle munizioni della cittadella, rovinando il resto delle case, che avean resistito alla furia del terremoto. Né qui finiva l'orrenda catastrofe! Le acque del porto ritiraronsi per più d'un miglio verso le fortezze Garzia e Vittoria, formando un' onda sola e scatenandosi poi con gran fracasso vennero a riversarsi sulle macerie della città. (81) Nulla restò dell' abitato e quel ch'è peggio si ebbero a contare 3.200 vittime del fatale flagello.
Liberi finalmente da quei disastri, fu commovente scena il veder ritornare i cittadini con impresse le vive traccie del terrore, ancora sul viso; e quando tutti fero ritorno, i magistrati, il clero, i religiosi, il popolo, in abito di penitenza implorarono la clemenza divina, girando attorno col Sacramento in processione. (82)
Indi aiutati in gran parte dagli operai che trovavansi numerosi nella ricetta di Malta, misero mano a riedificar le proprie case, e con bella gara si videro dedicare all'improbo lavoro, tutte le braccia senza distinzione d' età, di sesso, di ceto. E prontamente pensossi alla riedificazione d'una sola chiesa, per celebrarvisi i divini sacrifizii e le pubbliche preghiere (83); cosìnel breve corso di 2 anni, Augusta risorse tutta dalle sue rovine; sicché il viceré duca d' Uzzeda restò meravigliato nel veder prontamente riparati i terribili effetti del terremoto, e volle perciò anch'egli concorrervi apprestando mezzi larghi davvero, qual si dovevavo in quelle tristissimi occasioni (84). Le fortezze furono poi riparate nel 1702 mercé la cura del cardinal Francesco Giudice, allora viceré, il quale volle qui fermarsi tutto il mese di novembre di quell'anno". (pagg. 90-93)

Augusta (ab. 6.173; morti 2.300)
Città demaniale. Tutte le fonti sono concordi nel riportare il numero degli abitanti e quello delle vittime. (pag. 119)


www.terremotodeisilenzi.it
contatti