RAFFAELLO E L'ECO DEL MITO

Categoria
Mostre
Data
Giovedì 1 Marzo 2018
Luogo
Spazi espositivi GAMeC - Via San Tomaso, 53
24121 Bergamo BG, Italia
Telefono
+39 328 1292393
Email
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Sito internet

La mostra Raffaello e l’eco del mito ha la sua origine nel San Sebastiano, capolavoro del giovane Sanzio presente nelle collezioni dell’Accademia di Carrara. L’esposizione restituisce un quadro esaustivo della formazione di Raffaello e ripercorre la straordinaria fortuna dell’artista a partire dall’Ottocento, quando il prezioso dipinto giunge a Bergamo.

Il percorso espositivo inizia con un’indagine sulle radici culturali di Raffaello, attivo tra Urbino, Perugia e Siena. Il clima della raffinata corte dei Montefeltro a Urbino, la capacità dell’artista di assorbire ed elaborare le suggestioni provenienti dai colleghi e dall’antico in un linguaggio personale e di altissima qualità sono evocate in mostra attraverso le opere del padre Giovanni Santi, di Pedro Berruguete, di Perugino e di Pintoricchio, che si confrontano con ben dodici dipinti di Raffaello provenienti da musei nazionali e internazionali.

L'affascinante tema della fortuna di Raffaello nell’Ottocento è affrontato nella seconda parte della mostra. L’arrivo del San Sebastiano nella collezione di Guglielmo Lochis nel 1836 coincide con la ripresa d’interesse per la vicenda umana e artistica di Raffaello: da un lato il ritrovamento delle sue spoglie mortali al Pantheon nel 1833, dall’altro il rinnovato interesse per la misteriosa Fornarina. Intorno a questo capolavoro le opere di Anthon Raphael Mengs, Peter Cornelius, Felice Schiavoni ed altri documentano il consolidarsi della leggenda dell’artista nell’Ottocento.

L’interesse per Raffaello prosegue senza soluzione di continuità nel Novecento e fino ai nostri giorni. De Chirico e Picasso, Luigi Ontani e Giulio Paolini, Vanessa Beecroft e Francesco Vezzoli sono alcuni degli artisti che si sono confrontati con Raffaello e con il suo mito, con una pluralità di esiti che vanno dalla dal riuso alla citazione, dalla deferenza alla devozione, testimoniando quanto viva sia la figura del maestro di Urbino anche nella contemporaneità.

 

ORARI
Tutti i giorni dalle 9.30 alle 19.00 (chiusura della biglietteria alle 18.00).
Chiuso il martedì

APERTURE STRAORDINARIE
orario 9.30-19.00
domenica 1 aprile (Pasqua)
lunedì 2 aprile (Pasquetta)
mercoledì 25 aprile
martedì 1 maggio


BIGLIETTI

intero: 12 euro
ridotto: 10 euro

 

 
 

Altre date

  • Da Sabato 27 Gennaio 2018 a Domenica 6 Maggio 2018
    Lunedì, Mercoledì, Giovedì, Venerdì, Sabato & Domenica

Lista Partecipanti

 Non ci sono Participanti 

Powered by iCagenda

Calendario Eventi

Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
1
Data : Domenica 1 Aprile 2018
2
Data : Lunedì 2 Aprile 2018
3
Data : Martedì 3 Aprile 2018
4
Data : Mercoledì 4 Aprile 2018
5
Data : Giovedì 5 Aprile 2018
6
Data : Venerdì 6 Aprile 2018
7
Data : Sabato 7 Aprile 2018
8
Data : Domenica 8 Aprile 2018
9
Data : Lunedì 9 Aprile 2018
10
Data : Martedì 10 Aprile 2018
11
Data : Mercoledì 11 Aprile 2018
12
Data : Giovedì 12 Aprile 2018
13
Data : Venerdì 13 Aprile 2018
14
Data : Sabato 14 Aprile 2018
15
Data : Domenica 15 Aprile 2018
16
Data : Lunedì 16 Aprile 2018
17
Data : Martedì 17 Aprile 2018
18
Data : Mercoledì 18 Aprile 2018
19
Data : Giovedì 19 Aprile 2018
20
Data : Venerdì 20 Aprile 2018
21
Data : Sabato 21 Aprile 2018
22
Data : Domenica 22 Aprile 2018
23
Data : Lunedì 23 Aprile 2018
24
Data : Martedì 24 Aprile 2018
25
Data : Mercoledì 25 Aprile 2018
26
Data : Giovedì 26 Aprile 2018
27
Data : Venerdì 27 Aprile 2018
28
Data : Sabato 28 Aprile 2018
29
Data : Domenica 29 Aprile 2018

Chi è on line

Abbiamo 991 visitatori e nessun utente online

Arte News

Turner a Roma

dal 22 marzo al 26 agosto 2018 al Chiostro del Bramante

Giornate FAI di Primavera

Sabato 24 e domenica 25 marzo: 1.000 luoghi aperti in tutta Italia

Si chiamava Gesù

Emanuele Puglia in scena al Teatro Garibaldi di Enna


Twitter Live